L'atletica leggera vista dagli appassionati
 

Vado come una lippa

megaMAX 3 Nov 2015 20:02
E non so perché, perché mi alleno poco (1-2 volte a settimana) e spesso
in giro per il mondo quindi correndo come e dove capita

Oggi però è saltato fuori:

4x800m rec. 2' in 3'05"-2'55"-2'58"-2'52"
senza pausa ulteriore:
4x400m rec. 1'30" in 1'20"-1'23"-1'23"-1'12"

Soprattutto l'ultimo, alla fine di cotanto allenamento, rappresenta un
picco di forma notevole, in quanto in allenamento in ripetuta 1'12" non
l'avevo mai fatto in vita mia, tantomeno alla fine di un allenamento
così tosto. Avevo fatto tipo 1'07"-1'09" ma in pista, su ripetute
singole lattacide con recupero di 7'.

Cosa vuol dire tutto ciò? Non lo so. E mi servirà per gare lunghe tipo
Passatore? Ne dubito. Ma è così, ho un picco di forma sulle brevi
distanze, e non so che farmene.

Consigli?
--
"...riesco ad andare al mio passo, e posso correre piu' rilassato.Premo
il tasto del pilota automatico, programmato nel mio cervello da millenni
di perfetta evoluzione e da qualche mese di imperfetto allenamento" (Mau)
megaMAX 3 Nov 2015 20:05
On 03/11/2015 20:02, megaMAX wrote:

> Avevo fatto tipo 1'07"-1'09" ma in pista, su ripetute
> singole lattacide con recupero di 7'.


E 8 anni fa


--
"...riesco ad andare al mio passo, e posso correre piu' rilassato.Premo
il tasto del pilota automatico, programmato nel mio cervello da millenni
di perfetta evoluzione e da qualche mese di imperfetto allenamento" (Mau)
Gert dal pozzo 4 Nov 2015 08:16
megaMAX <massimo.bombino_LEVA@QUESTO_email.it.invalid> ha scritto:

> Cosa vuol dire tutto ciò? Non lo so. E mi servirà per gare lunghe tipo
> Passatore? Ne dubito. Ma è così, ho un picco di forma sulle brevi
> distanze, e non so che farmene.

facciamo cambio? :D

non ti serve per il Passatore (ma ti serve comunque più che un 10Km lento)
anche se io raccomando di prepararlo non abbandonando mai la potenza
aerobica per mantenere brillantezza e non infiacchirsi con soli lenti.
NapoliRun 4 Nov 2015 10:10
> Cosa vuol dire tutto ciò? Non lo so. E mi servirà per gare lunghe tipo
> Passatore? Ne dubito. Ma è così, ho un picco di forma sulle brevi
> distanze, e non so che farmene.
>
> Consigli?

Iscriviti ad una bella 10k e magari ti levi uno sfizio...
:)
all 4 Nov 2015 10:49
> Ma è così, ho un picco di forma sulle brevi
> distanze, e non so che farmene.
>
> Consigli?

Prova su subito.it
A qualcuno potrebbe servire.
Jk 4 Nov 2015 11:50
Il 03/11/2015 20.02, megaMAX ha scritto:
> E non so perché, perché mi alleno poco (1-2 volte a settimana) e spesso

dì la verità che lo fai apposta per farmi rodere! ;-)


> ho un picco e non so che farmene.
>
> Consigli?

sì ma non si possono scrivere qui! :-D
megaMAX 4 Nov 2015 13:56
On 04/11/2015 10:10, NapoliRun wrote:
> Iscriviti ad una bella 10k e magari ti levi uno sfizio...
> :)

Fatto una in 42' e mi è venuto solo il nervoso :(

Meglio forse un 1500 o un 3000...


--
"...riesco ad andare al mio passo, e posso correre piu' rilassato.Premo
il tasto del pilota automatico, programmato nel mio cervello da millenni
di perfetta evoluzione e da qualche mese di imperfetto allenamento" (Mau)
VonKappel 4 Nov 2015 14:05
megaMAX,

> Cosa vuol dire tutto ciò? Non lo so. E mi servirà per gare lunghe tipo
Passatore? Ne dubito. Ma è così, ho un picco
> di forma sulle brevi distanze, e non so che farmene.

Non serve ad un ******* ma fregatene.
Tieni sveglio il tuo motore mandandolo su di giri, "lui canta" e tu finisci
l'allenamento bello contento con le endorfine che la fanno da padrone.
Ma cosa c'e' di piu' bello?

> Consigli?

Vendi 20"/km a Jk ad un prezzo da amico.

--
https://www.youtube.com/user/natalinobalasso/featured
Jk 4 Nov 2015 14:42
Il 04/11/2015 14.05, VonKappel ha scritto:

> Non serve ad un ******* ma fregatene.
> Tieni sveglio il tuo motore mandandolo su di giri, "lui canta" e tu finisci
> l'allenamento bello contento con le endorfine che la fanno da padrone.

amen

> Vendi 20"/km a Jk ad un prezzo da amico.
>

almeno 25" o non se ne fa nulla! :-)
NapoliRun 4 Nov 2015 14:57
megaMAX <massimo.bombino_LEVA@QUESTO_email.it.invalid> ha scritto:

> On 04/11/2015 10:10, NapoliRun wrote:
>> Iscriviti ad una bella 10k e magari ti levi uno sfizio...
>> :)
>
> Fatto una in 42' e mi è venuto solo il nervoso :(
>
> Meglio forse un 1500 o un 3000...
>

Anche!
megaMAX 5 Nov 2015 00:54
On 04/11/2015 14:05, VonKappel wrote:
> Non serve ad un ******* ma fregatene.
> Tieni sveglio il tuo motore mandandolo su di giri, "lui canta" e tu finisci
> l'allenamento bello contento con le endorfine che la fanno da padrone.
> Ma cosa c'e' di piu' bello?

In effetti è una figata :D


--
"...riesco ad andare al mio passo, e posso correre piu' rilassato.Premo
il tasto del pilota automatico, programmato nel mio cervello da millenni
di perfetta evoluzione e da qualche mese di imperfetto allenamento" (Mau)
megaMAX 5 Nov 2015 00:58
On 04/11/2015 11:50, Jk wrote:
>> ho un picco e non so che farmene.
>>
>> Consigli?
>
> sì ma non si possono scrivere qui! :-D

Il picco di forma temo possa far male se usato impropriamente come
suggerisci :D

--
"...riesco ad andare al mio passo, e posso correre piu' rilassato.Premo
il tasto del pilota automatico, programmato nel mio cervello da millenni
di perfetta evoluzione e da qualche mese di imperfetto allenamento" (Mau)
megaMAX 5 Nov 2015 01:24
On 03/11/2015 20:02, megaMAX wrote:
> E non so perché, perché mi alleno poco (1-2 volte a settimana) e spesso
> in giro per il mondo quindi correndo come e dove capita

Comunque, scherzi a parte: la curiosità era soprattutto per un discorso
di capire come ho raggiunto tale forma e come mantenerla e
riconquistarla in futuro, e forse ci sono arrivato. Se uno non vuole
leggere tutta la pappardella, salti all'ultimo paragrafo

Nel senso che, nessun indizio era a favore. Mi alleno poco, male,
irregolare, poco volume, qualità occasionale. Sto lavorando tanto, sono
stressato, viaggio molto e dormo poco. Insomma tutto a sfavore.

Però ci ho pensato bene ed alla fine è b*****e: quelle volte che mi
alleno con la squadra, capita 2-3 volte al mese, anche 4-5 a volte,
facciamo sempre la stessa cosa: allenamento normale, tirato non
all'os*****, e l'ultima ripetuta tirando come dei cretini ignoranti. Nel
senso proprio di attingere a tutte le risorse mentali e fisiche per
andare più forte: compreso usare molto le braccia per spingersi, ed
aumentare la frequenza di corsa in maniera irreale, esasperata, stile
Bip-bip inseguito da Wiley il Coyote.

Esattamente come questo allenamento: od***** siamo andati bene eh,
comunque 800m sotto i 3' e 400m in 1'20"-1'23" ma la verità è che come
sempre, ci siamo conservati tutti un pochino per il rush finale in cui
correvamo manco ci fosse in ballo una medaglia olimpica. Per cui uno
potrebbe anche dire: potevi essere più uniforme e farti 4 volte i 400m
1'17"-1'18" e forse era più allenante. Forse.

Ma la cosa più assurda sono le sensazioni: alla terzultima, penultima
ripetuta, ero in affanno, in apnea, in paranoia perché vedevo la gente
più veloce di me, avanti di 5-10 e più metri, sentivo la stanchezza
tipica aerobica ed un po' lattacida delle ripetute, nota e stranota, e
mi volevo tenere un pochino. All'ultima ripetuta, invece, sono partito
subito con un passo molto deciso, completamente diverso e mettendomi
subito in testa o quasi, e sono andato in crescendo con sensazioni
intensissime e violentissime ma paradossalmente con meno o con una
differente sofferenza rispetto alle ripetute normali, quella sofferenza
a cui sono abituato. Ed anche subito dopo l'ultima ripetuta
violentissima, in maniera ancora più paradossale ho sempre un livello di
fiatone e di stanchezza e di recupero migliori di quelli di una ripetuta
aerobica. Come se questo scavare nel rush finale nell'anaerobico
portasse ad erodere risorse energetiche diverse rispetto a quelle delle
ripetute più "lente", per cui provi una stanchezza diversa e più
facilmente recuperabile di quella di una serie di ripetute regolari.
Pazzesco, ma vero e forse anche logico.

Per cui alla fine, dopo mesi e mesi in cui quelle 2-3-4 volte al mese
facevamo questo scherzetto, il mio corpo si è adattato: ora sopporta un
picco anaerobico violento alla fine di un allenamento, senza troppi
scompensi e senza tra l'altro che mi senta eccessivamente esausto dopo
l'allenamento. Per cui il mio corpo si è semplicemente adattato.

O meglio ancora: diciamo che ho forse trovato un modo per mettere in
crisi il mio organismo al di là delle ripetute normali, fatte in modo
regolare, nelle quali per mancanza di voglia di soffrire fino in fondo,
le fai sì in maniera intensa ma senza esplodere. Ecco, si vede che quei
300-400-500 finali fatti come se non ci fosse un futuro, come se dovessi
esplodere, sono sufficienti a mettere in crisi il sistema energetico e
costringerlo non solo ad adattarsi al picco di richiesta, ma addirittura
a creare un effetto benefico generale andando a migliorare in maniera
sensibile il mio stato di forma globale. Lo si dice sempre: la parte
finale di QUALUNQUE allenamento è quella più importante, quella in cui
devi stringere i denti. Ecco: si vede che se in quella parte finale, in
quella ripetuta finale, fai uno sforzo ancora più intenso andando poi a
mettere in crisi tutto il sistema energetico ed andando ad attingere a
risorse residue preziose. Mi manca ancora la resistenza per gare dai
10km in su perché faccio pochi km, ma la forma c'è ed è notevole.

Per cui non penso di aver inventato nulla perché sono cose risapute e
sperimentate, ma si vede che questo mettere in crisi l'organismo nella
parte finale di un allenamento, in maniera ancora più violenta di quello
che normalmente si fa, è assolutamente benefico.

Dai, facciamo un esperimento: domani faccio un post apposta. Per 1-2
mesi, tutti gli ISAni che vogliono seguiranno un protocollo da
concordare. Alla fine di ogni allenamento o di quelli più significativi,
eseguiti in maniera normale senza barare più di tanto, faremo l'ultima
ripetuta o l'ultimo km tirando in maniera ******* sconclusionata,
violenta, ignorante, come se si dovesse esplodere. Togliendo secondi e
secondi al tempo che siamo abituati a fare su quella distanza. Mulinando
i piedi come un frullatore, spingendosi con l'inerzia dei gomiti. Ci
deve essere uno stacco nettissimo, roba da fare il personale su quella
mini-distanza. Con tanto di pubblicazione di tempi e di verifica dei
personali recenti sulle varie gare o distanze. 2-3 mesi così di test
collettivo.


Chi ci sta??




--
"...riesco ad andare al mio passo, e posso correre piu' rilassato.Premo
il tasto del pilota automatico, programmato nel mio cervello da millenni
di perfetta evoluzione e da qualche mese di imperfetto allenamento" (Mau)
NapoliRun 5 Nov 2015 08:21
> mini-distanza. Con tanto di pubblicazione di tempi e di verifica dei
> personali recenti sulle varie gare o distanze. 2-3 mesi così di test
> collettivo.
>
>
> Chi ci sta??
>

Presente, apriamo un thread apposito?
E cmq per dirti, io lunedì ho fatto 7x1000 R2j
I tempi sono stati
4'02
4'05
4'03
4'03
4'03
4'04
3'51
Nell'ultimo, corso senza risparmiarmi, sentivo l'azione di corsa molto
elastica ed in "spinta" nn so come spiegarmi...
E sono stato attento all'eleganza del movimento coinvolgendo anche le
braccia...
Gert dal pozzo 5 Nov 2015 10:26
megaMAX <massimo.bombino_LEVA@QUESTO_email.it.invalid> ha scritto:

> Come se questo scavare nel rush finale nell'anaerobico
> portasse ad erodere risorse energetiche diverse rispetto a quelle delle
> ripetute più "lente", per cui provi una stanchezza diversa e più
> facilmente recuperabile di quella di una serie di ripetute regolari.
> Pazzesco, ma vero e forse anche logico.

le fonti energetiche son quelle:
semplicemente, hai una riserva anaerobica, puoi accumulare un pò di
lattato nel sangue

per me la mente contribuisce tantissimo
sai che sei alla fine e dai tutto
è anche un meccanismo evolutivo



> la parte
> finale di QUALUNQUE allenamento è quella più importante, quella in cui
> devi stringere i denti. Ecco: si vede che se in quella parte finale, in
> quella ripetuta finale, fai uno sforzo ancora più intenso andando poi a
> mettere in crisi tutto il sistema energetico ed andando ad attingere a
> risorse residue preziose.

è un fortissimo stimolo extrasoglia di potenza aerobica
dato che sta alla fine di una seduta dura c'è pure un forte effetto
allenante per distanze medie: su un 5 o anche un 10mila faresti un
figurone

se pero' vuoi fare pure il passatore, la domenica comincia a macinare Km
VonKappel 11 Nov 2015 13:15
megaMAX,

> Per cui non penso di aver inventato nulla perché sono cose risapute e
sperimentate, ma si vede che questo mettere in
> crisi l'organismo nella parte finale di un allenamento, in maniera ancora più
violenta di quello che normalmente si
> fa, è assolutamente benefico.
>
> Dai, facciamo un esperimento: domani faccio un post apposta. Per 1-2 mesi,
tutti gli ISAni che vogliono seguiranno un
> protocollo da concordare. Alla fine di ogni allenamento o di quelli più
significativi, eseguiti in maniera normale
> senza barare più di tanto, faremo l'ultima ripetuta o l'ultimo km tirando in
maniera ******* sconclusionata,
> violenta, ignorante, come se si dovesse esplodere. Togliendo secondi e secondi
al tempo che siamo abituati a fare su
> quella distanza. Mulinando i piedi come un frullatore, spingendosi con
l'inerzia dei gomiti. Ci deve essere uno
> stacco nettissimo, roba da fare il personale su quella mini-distanza. Con
tanto di pubblicazione di tempi e di
> verifica dei personali recenti sulle varie gare o distanze. 2-3 mesi così di
test collettivo.
>
>
> Chi ci sta??

Va beh, il thread apposta non l'hai fatto quindi mi accodo qui.
L'allenamento di ieri sera non e' proprio quello che hai chiesto tu ma ci si
avvicina.
Premesso che e' quello che sto vivendo un periodo di forma notevole ma che
presto mi portera' a disintegrarmi, per la serie i segnali ci sono tutti e non
sono certo incoraggianti ma io sono un ******* e quindi vado avanti, ieri sera
ho fatto un'uscita nella quale tutto era possibile visto che la contrattura
al bicipite femorale e' anch'essa indecifrabile, quindi ho iniziato piano
ma gia' dopo 3km i segnali erano poco incoraggianti, quindi mi fermavo spesso
a messaggiare bene gluteo e bicipite.
Nell'indecisione se piantare li' e tornare a casa oppure "provare a vedere" come
si fanno solo negli esperimenti scientifici, dal km 6 ho voluto verificate se il
dolore/fasti***** si attenuava se spingevo un poco oppure se peggiorava, ed in
effetti il correre molto piu' rotondo aiutava e quindi alternavo qualche km
veloce a qualche km lento nel quale mi fermavo a massaggiare.
Poi, visto che cosi' stavo macinando km, perche' ne avrei bisogno come il pane
visto che fra 1 mese ho la maratona, e grazie ad un km 11 nel quale mi sentivo
bene, m'e' partito l'embolo di provare a fare come hai chiesto, ossia un km
"oltre il normale".
Detto fatto e, anche se di poco, l'ho fatto sotto i 4', ma nel km di "cool down"
sentivo di non essermi spremuto fino in fondo perche' non avvertivo il benche'
minimo accenno di affaticamento muscolare, e cosi' al km 14 ne ho fatto un
altro,
anche se poi non sono riuscito a spingere bene, tant'e' che gluteo, coscia,
tibiale
e caviglia stavano diventando decisamente rigidi.
Comuque, anche questo corso oltre il mio normale limite. ossia sui 4'.
Poi mi sono fermato, massaggiato bene gluteo e gamba e poi sono tornato
lentamente a casa di corsa.
In quel preciso istante nel quale rifiatavo, dandomi dell'imbecille tra me e me
perche' il bicipite prima o poi me la fara' pagare, ero felice come un bambino.
Perche' questi allenamenti ignoranti regalano sensazioni impagabili, che sovente
nemmeno una gara sa darti.

Ecco qua
https://connect.garmin.com/modern/activity/953250025

--
https://www.youtube.com/user/natalinobalasso/featured
megaMAX 11 Nov 2015 13:57
On 11/11/2015 13:15, VonKappel wrote:
> Poi mi sono fermato, massaggiato bene gluteo e gamba e poi sono tornato
> lentamente a casa di corsa.

Avrei voluto assistere alla scena di vedere chi passava di lì e ti
vedeva auto-massaggiarti


--
"...riesco ad andare al mio passo, e posso correre piu' rilassato.Premo
il tasto del pilota automatico, programmato nel mio cervello da millenni
di perfetta evoluzione e da qualche mese di imperfetto allenamento" (Mau)
Mau 11 Nov 2015 17:17
Il 11/11/2015 13.15, VonKappel ha scritto:
> megaMAX,
>
>>
>> Dai, facciamo un esperimento: domani faccio un post apposta. Per 1-2 mesi,
tutti gli ISAni che vogliono seguiranno un
>> protocollo da concordare. Alla fine di ogni allenamento o di quelli più
significativi, eseguiti in maniera normale
>> senza barare più di tanto, faremo l'ultima ripetuta o l'ultimo km tirando in
maniera ******* sconclusionata,
>> violenta, ignorante, come se si dovesse esplodere. Togliendo secondi e
secondi al tempo che siamo abituati a fare su
>> quella distanza. Mulinando i piedi come un frullatore, spingendosi con
l'inerzia dei gomiti. Ci deve essere uno
>> stacco nettissimo, roba da fare il personale su quella mini-distanza. Con
tanto di pubblicazione di tempi e di
>> verifica dei personali recenti sulle varie gare o distanze. 2-3 mesi così di
test collettivo.
>>
>>
>> Chi ci sta??
>
> Va beh, il thread apposta non l'hai fatto quindi mi accodo qui.

Si anche io in effetti lo aspettavo perchè non in tutti gli allenamenti
ma ogni tanto potrei anche provare. Nel mio caso poi ci sono pochi dubbi
che ci sarà da registrare un miglioramento perchè è un tipo di
allenamento che non faccio quasi mai. Mi aiuterà a migliorare anche per
le gare? Boh!

--
Mau

Links
Giochi online
Dizionario sinonimi
Leggi e codici
Ricette
Testi
Webmatica
Hosting gratis
   
 

L'atletica leggera vista dagli appassionati | Tutti i gruppi | it.sport.atletica | Notizie e discussioni atletica | Atletica Mobile | Servizio di consultazione news.